Crescita personale

Perdona chi sei stato per poter diventare chi vuoi essere

Arriva un momento in cui devi imparare a perdonare te stessa.
Perdona chi sei stato per aver pensato che la vita che hai sempre condotto ti sarebbe bastata.

Che ti sarebbe bastato il lavoro che facevi per sopravvivere.
Che saresti sempre vissuta nello stesso luogo
senza mai osare andartene.

Ti devi perdonare per aver pensato che non avresti mai voluto sposarti o fare figli, solo perché pensavi che questo modo di parlare ti rendesse veramente libera e indipendente.

perdona chi sei stato

Perdona chi sei stato e chiediti di più

Arriva un momento in cui devi chiederti di più.
Vuoi di più ed è giusto che sia così.

Vuoi cambiare lavoro, vuoi cambiare città: vuoi passare il resto della vita con il tuo compagno, giurandolo a voce alta, magari.
Arriva un momento, quel momento in cui vuoi osare di più.

E vuoi perdonare te stessa per non aver mai avuto quel coraggio.
Quel coraggio di rischiare.
Così vuoi provarci. Vuoi buttarti.

E, in quel momento, può succedere che tu voglia tutto ciò che pensavi di non volere.

perdona chi sei stato

Perdona chi sei stato: dimenticati della persona che credevi di dover essere

A quel punto non sei più tu.
Non sei più quella persona che si diceva tutte quelle bugie.
Non sei più quella persona schiava di pregiudizi che aveva nei confronti di se stessa.

Non sei più la persona che credevi di dover essere.

Stai cambiando. Ti stai evolvendo verso la persona che sarai.
Perché un cambiamento, una volta che si manifesta, è già avvenuto dentro di noi tempo addietro.

Devi imparare a perdonare te stessa per fare in modo che ciò avvenga.

A quel punto, ti renderai conto di una cosa.

Perdona chi sei stato per diventare chi sei nel momento presente

Ti renderai conto che inizierai a ragionare in maniera diversa.
Ti renderai conto che tutte le critiche che ti avevano rivolto (e ferito) un tempo, ora non ti sfiorano più.
Ora non ti appartengono più.

Perché hai cambiato il tuo modo di vedere le cose, di vedere quelle persone.
Di sentire e percepire le loro parole.

Hai cambiato la tua natura.

“Un serpente cambia la pelle più volte l’anno.
Ci sono persone che passano un’intera vita senza riuscire mai a farlo.”


A quel punto non ragioni più per ostacoli.
Ragioni per opportunità.
Opportunità di essere una persona migliore di quella che sei stata e che non ti andava più di essere.

perdona chi sei stato


Così ti rendi conto di non aver mai ragionato in maniera così lucida in vita tua.

Ti rendi conto di aver indossato una maschera per tutta la tua vita.

Di averlo fatto perché avevi paura.
Hai sempre avuto paura del giudizio degli altri, delle loro critiche, della cattiveria di cui è pieno il mondo.

Solo che questa volta è diverso: ora hai gli occhi aperti e guardi il mondo come se lo vedessi per la prima volta.

Guardi le persone e capisci che c’è del buono in ognuno. E non c’è sempre quel bisogno costante di difendersi.
Da qui nasce l’opportunità.
L’opportunità di vedere la luce anziché il buio.

Perdona chi sei stato con tutti i tuoi sbagli: sei semplicemente un essere umano

Ad un certo punto, nella vita, ti devi perdonare.

Devi perdonarti per aver commesso quello sbaglio.
Per aver preso quella via che non portava da nessuna parte.
Devi perdonarti per essere umana in un mondo che ci vorrebbe tutti di ferro.
Ti devi perdonare.

Così arriva quel giorno e tu ti guardi allo specchio e non ti riconosci.
Ma è una bella sensazione.
Come se gli anni passati sbiadissero dalla tua mente.

perdona chi sei stato

Come se la persona che eri ti prendesse per mano per accompagnarti in quell’enorme prato verde.
Non avere paura” ti dice.
Sei tu. E sei a casa“.

Martina Vaggi

perdona chi sei stato, persona chi sei stato, perdona chi sei stato

Photo credit: Pixabay

2 pensieri riguardo “Perdona chi sei stato per poter diventare chi vuoi essere

  1. “E, in quel momento, può succedere che tu voglia tutto ciò che pensavi di non volere.” Mi sento terribilmente in linea con questo scritto, con questa frase.
    Per anni ho sognato di andarmene dal paese in cui sono cresciuta e così ho fatto, per poi scoprire che c’è del buono e del cattivo ovunque, appunto. Adesso sento forte il desiderio di tornare verso casa, con questa nuova consapevolezza.

Rispondi